XXII Mostra Orticola Orticola 2017

XXII Mostra Orticola

La Mostra Orticola è un’iniziativa nata per Milano nel 1996, i cui proventi sono destinati al verde cittadino. È in quest’ottica che Orticola per Milano da quest’anno si occupa della sistemazione e della manutenzione del Giardino Perego, inaugura un nuovo ciclo quadriennale de “Le Giornate di Studi” e il Giardino di Palazzo Reale, e segue l’ampliamento degli Orti fioriti a Citylife…

Mostra Mercato di fiori, piante e frutti insoliti, rari e antichi

Orticola di Lombardia è lieta di preannunciare la XXII Edizione della Mostra Orticola che si terrà:

da venerdì 5 a domenica 7 maggio 2017 dalle 9:30 alle 19:00

ai Giardini Pubblici Indro Montanelli di via Palestro e piazza Cavour, a Milano.

Le piante italiane per il giardino italiano

Dal 1996, Orticola di Lombardia promuove la cultura italiana del giardino, e nel 2017 presenta la XXII edizione con il tema dell’anno Le piante italiane per il giardino italiano.

La Mostra Orticola ospita la più importante vetrina per il vivaismo di ricerca italiano, propone un percorso verde alla scoperta di giovani talenti e piante insolite, rare e dalle mille proprietà, accoglie le associazioni di botanici, ma anche di semplici collezionisti appassionati, allestisce i “fioriti ingressi verdi” e la preziosa fontana, invita le giurie, organizza i momenti d’incontro e i servizi per i visitatori, e si conferma come l’appuntamento a carattere nazionale per conoscere il meglio della ricerca florovivaistica.

Il tema per la XXII Mostra Orticola

Le piante italiane per il giardino italiano è il tema proposto per Orticola 2017.
— La flora italiana è composta da numerosi generi e specie di piante presenti in gran numero e varietà in tutti gli ambienti del nostro territorio, dai rilievi montuosi fino alle spiagge.

Considerata proprio questa diversità, sia di ambienti sia di vegetazione, è possibile trovare ed identificare quale pianta si possa adattare meglio al nostro giardino. Dobbiamo quindi imparare a considerare i nostri spazi verdi come parte integrante della natura che li circonda, assecondandone l’andamento e l’evoluzione secondo l’alternarsi delle stagioni nei diversi climi e nei diversi ambienti italiani.

Orticola ha invitato i vivaisti a presentare le specie spontanee o quelle naturalizzate nelle varie zone del nostro Paese, perché sono quelle che si adattano meglio, necessitano di interventi manutentivi e irrigazioni meno frequenti, si sviluppano e fioriscono con più facilità.

Così facendo, scegliendo piante spontanee italiane o naturalizzate, si tutela e stimola non solo la nostra biodiversità vegetale, ma anche quella animale: quest’ultima è unita alla precedente da un sottile, ma robustissimo filo.

Tutte le novità #Orticola2017

Altre notizie si aggiungeranno a quelle attualmente pubblicate, nel prossimo periodo. Torna a trovarci presto!

I “Protagonisti” della mostra: i vivaisti e le piante

I vivaisti: nuovi e giovani; le piante: particolari e dalle mille proprietà; le associazioni: impegnate e interessanti; i momenti d’incontro: il “plus” della mostra.

Orticola, nel corso degli anni, ha dimostrato di essere la più importante vetrina per il vivaismo di ricerca italiano, diventando rampa di lancio per giovani talenti e vero luogo di scoperta delle piante più particolari o persino introvabili, sia per gli appassionati sia per chi si avvicina al mondo delle piante.

La mostra, che quest’anno vede la presenza di oltre 160 espositori, vanta il maggior numero di giovani vivaisti.

I più giovani, che partecipano per la prima volta

Andrea Bassino, che presenta erbacee fiorite dei nostri prati, tutte ottenute da seme, scelte tra quelle prevalentemente spontanee della flora italiana che possono essere adatte ai nostri giardini; Guido Agnelli, con una collezione di piante da frutto tropicali quasi introvabili in Europa come Theobroma cacao (il cacao) e Inga edulis (guaba), quest’ultima portatrice di un frutto con caratteristiche curative per l’artrite e i reumatismi; Eugenia Natalino del vivaio Salto del Prete, che espone piante della macchia, delle colline e della pianura mediterranea; Daniele Righetti con una collezione di carnivore; Marco Greggi di Centroflora, con piante collaudate per prosperare nel nostro clima; Dennis Barroero di Dennis Botanic Collection con un’innumerevole quantità di frutti rari e inconsueti da tutte le regioni del mondo, come la mora di Gelso cinese, il babaco, la pitanga,

Tra i giovani che già hanno partecipato alla Mostra, oltre a Davide Dalla Libera del vivaio Novaspina, il più giovane e superpremiato ibridatore italiano di rose che torna per il terzo anno consecutivo, tornano a esporre i giovanissimi figli del fondatore dei Vivai del Valentino con le cactacee, i ragazzi di Res Naturae con la collezione di rabarbari, Ladre di Piante con una importante collezione di Ortensie, Arborea Farm con piante acquatiche della flora italiana per la fitodepurazione, Piante Innovative con piante stranissime e dalle mille proprietà, come la pianta dei pappagalli così chiamata perché i suoi frutti ricordano dei pappagallini, e quelli molto maturi sono utilizzati nei giubbotti di salvataggio e per assorbire l’olio dal mare e ancora altre bizzarrie, quale la ‘pianta cerotto” , una Kalanchoe che si mangia, usata in America Latina, Asia e Africa per curare moltissimi disturbi o la Monarda didyma comunemente detta thè Oswego o menta bergamotto, pianta sacra degli Indiani d’America, e usata dalla tribù Oswego per la preparazione di un tè, e infine Giardino della Moscatella con le piante tipiche delle campagne pugliesi e quindi adatte ai climi asciutti.

Altre novità

Presenti quest’anno: Botanika, con una selezione di fiori spontanei dei nostri campi e dei nostri boschi, quindi adatti a tutti i climi e a tutte le esposizioni, e la collezione di iris barbata storici e rari di Laura Buonadonna de “L’insolito giardino” e le orchidee tropicali di Giulio Celandroni.

Ritorna Gérard Weiner, vivaista francese del Luberon e vero “cacciatore” di piante, in tutto il Mediterraneo, vincitore del Premio Orticola 2016 come riconoscimento alla sua capillare e ostinata ricerca sul territorio. Quest’anno porta un’eccezionale collezione di piante trovate tra Italia, Spagna, Francia, Marocco e Turchia e in altre zone dal clima classificato come mediterraneo, come la California e l’Arizona.
Ritorna anche Mauro Zanelli, il primo premiato dalla Giuria di Stile, istituita nel 2016, per la migliore esposizione per l’allestimento e la cura dei dettagli, che presenta specie di Cypripedium, Epipactis e Dactylorhiza, orchidee spontanee della flora italiana altrimenti introvabili altrove.

Tra le piante spontanee è d’obbligo citare la Paeonia mascula ssp. russoi, che il Vivaio G&G Buffa ha recuperato e coltivato, deriva da semi che sono stati raccolti nella zona di Fonni, vicino al Gennargentu, in provincia di Nuoro.
Essendo protetta in natura, la specie è stata riprodotta da seme ed è in via di moltiplicazione per cui ne producono attualmente pochissimi esemplari!

Le associazioni

Impegnate nella ricerca e nella divulgazione, le associazioni, che partecipano fedeli ormai da diversi anni, anche quest’anno organizzano dimostrazioni floreali e visite guidate a tema, come ad esempio “Le piante mediterranee” o “Le piante utili”, per condurre i visitatori a conoscere quanto è di loro interesse senza perdersi nell’enormità dell’offerta.

Oltre ad A.Di.P.A. (Associazione per la Diffusione di Piante Amatoriali), ABA (Associazione Botanica Amatoriale), Garden Club Milano, SOI (Società Ortoflorofrutticoltura Italiana), a Orticola per la seconda volta, sarà presente per la prima volta in mostra l’associazione Filiderba con il progetto Hortives, una iniziativa estremamente interessante e ambiziosa: la raccolta e la registrazione dei semi di ortaggi tradizionali di tutte le regioni italiane e che, durante la mostra, realizza un allestimento che mostrerà l’ubicazione delle verdure tipiche italiane regione per regione, dal peperone bianco mantovano all’aglio di Resia, dalla lenticchia di Norcia fino al cavolo di Torzelle, il più antico del Mediterraneo.

Gli ingressi e la fontana

Orticola di Lombardia insieme ai Vivai Nespoli decorano lo storico androne di Palazzo Dugnani, ingresso da via Manin alla mostra-mercato che introduce alla fontana impreziosita dall’allestimento a cura del noto antiquario Alessandro Stefanini in collaborazione con Monica Lupi, eclettica antiquaria ed interior designer; entrando da piazza Cavour si può ammirare lo spettacolo messo in scena dal paesaggista Massimo Semola in collaborazione con Il Giardino, vivaio di Massimo Perazzi presente alla mostra già da qualche anno, e, come da tradizione, all’ingresso di via Palestro siamo accolti dalla scenografia realizzata dal Vivaio Fratelli Ingegnoli.

Il Giardino Fiorito

Storica rivista nata nel 1931 a cura della Società Italiana Amici dei Fiori con lo scopo di promuovere e incoraggiare la coltivazione dei fiori, il miglioramento dei giardini e lo sviluppo della floricoltura in Italia, ha mosso i suoi primi passi sotto la direzione di Mario Calvino con il sostegno della moglie, Eva Mameli Calvino.
Negli anni cinquanta diviene l’organo ufficiale della Società Orticola Piemontese e della Società Orticola di Lombardia, con quest’ultima il legame si protrae per circa 30 anni e poi ancora, all’inizio degli anni 2000.
Per l’edizione 2017, Orticola dà vita a un numero speciale de “Il Giardino Fiorito”, interamente dedicato alla mostra-mercato, per raccontare nei dettagli il lavoro dei vivaisti, la loro ricerca, le loro scoperte e le loro collezioni, in tema di Piante italiane per il Giardino italiano: dalle spontanee da usare in giardino, alle ombrellifere e alle acquatiche, dalle piante di macchia ai frutti antichi, dagli arbusti delle nostre siepi tradizionali fino alle orchidee selvatiche.

Arteorticola

Inizia quest’anno a maggio una nuova e importante iniziativa di Orticola di Lombardia.
Ogni anno ai Giardini Pubblici Indro Montanelli, nei pratone al centro di Orticola sarà ospitato un artista di altissimo livello nazionale e internazionale.
Orticola ha già ospitato in passato opere e artisti, ma questo vuole essere un momento ancora più particolare per regalare sempre più cultura alla città di Milano e permettere ai molti visitatori della mostra-mercato che pagano il biglietto, di poter ammirare con gli occhi e con il cuore un’importante opera d’arte.
Orticola inaugura questo nuovo progetto speciale dedicato all’arte contemporanea con l’opera “Fiore” di Velasco Vitali.
È’ un’installazione site-specific per lo spazio ricavato nel cuore dei giardini pubblici, tra i due platani secolari. Un letto tessuto di fili di acciaio replica le foglie a cascata di un Cipresso del Kashmir o di un Salice Piangente: ne richiama la perfezione d’intarsio e di cesello, riflette e rifrange la luce giocando (come le foglie) con il sole e le angolazioni dei suoi raggi.

Le giurie

Dallo scorso anno le giurie sono due: la Giuria Botanica, veterana della Mostra, che assegna lo speciale Premio Orticola con l’intento di aiutare e promuovere i vivaisti che si impegnano nella ricerca e nell’approfondimento, e i cui sei esperti scelgono e premiano le piante più particolari, e la giovane Giuria di Stile, composta da appassionati di piante e giardini, assidui frequentatori di Orticola, appartenenti a diversi settori della società e della cultura milanesi.

I momenti d’incontro

Un importante fiore all’occhiello di Orticola: nel 2016 hanno raggiunto il numero di 129 e hanno visto la presenza di oltre 1.000 partecipanti.
I corsi, allestiti sia nelle tre aree a disposizione sia negli stand dei vivaisti, sono diventati una tradizione per i visitatori e per Orticola una conferma alla propria missione a divulgare e promuovere la conoscenza e la salvaguardia del verde in tutte le sue espressioni.

Il venerdì è il giorno degli appassionati e dei collezionisti, il sabato e la domenica sono i giorni con la massima concentrazione di incontri: corsi, dimostrazioni e presentazioni di libri, per tutti i gusti.
Importantissimo, poi, il mondo dei bambini: soprattutto la domenica, corsi speciali, solo per loro, che lasciano i genitori liberi di godersi la mostra: per il secondo anno consecutivo, infatti, è presente il Kikolle Lab, lo spazio esclusivo dove, dalle 10,00 alle 18,00 i bambini, dai 3 ai 12 anni, possono partecipare, senza mamma e papà, a laboratori green, divertenti e creativi (Costo Euro 10,00).

I servizi per i visitatori

Consultare la rubrica INFO UTILI.

La rubrica sarà allestita nel mese di aprile.

La rosa di Brera

La collaborazione tra Orticola di Lombardia e la Pinacoteca di Brera, oltre che culturale, è anche floreale. È nato il nuovo ibrido Rosa di Brera®, una varietà con cespublio a mazzi dedicata alla famosa e illustre Pinacoteca milanese, una qualità di rosa speciale che sarà coltivata da maggio nell’Orto Botanico di Brera.

La sezione dedicata: Rosa di Brera®

Convenzioni Musei con biglietto Orticola 2017

Nel mese di maggio, con il Fuori Orticola, i programmi Orticola al Museo prevedono ingressi gratuiti o scontati, aperture straordinarie, visite guidate e laboratori.

Con il biglietto di ingresso alla mostra-mercato, Orticola vi porta nei Musei di Milano che hanno sottoscritto la convenzione. L’offerta Convenzione Musei abbinata al biglietto Mostra Orticola 2017 con ingressi ridotti avrà validità limitata nel tempo.

La sezione dedicata: Orticola al Museo

Fuori Orticola 2017

Ritorna Fuori Orticola, con nuove e interessanti iniziative, come Orticola al Museo con la GAM Galleria d’Arte Moderna, il Triennale Design Museum e il MUBA che si affiancano ai partner del 2016, Gallerie d’Italia, Museo Bagatti Valsecchi, Museo Poldi Pezzoli, Pinacoteca di Brera. Altra novità del Fuori Orticola nel cuore di Brera, con “A spasso in via Fiori Chiari” e altro ancora…!

La sezione dedicata: www.fuoriorticola.org

Ampliamento degli Orti Fioriti a Citylife

Gli orti fioriti realizzati a Citylife, in un’area raddoppiata rispetto alle precedenti edizioni permetterà la realizzazione di un progetto molto variegato e ricco di novità tutte da scoprire…

Per saperne di più: Orti fioriti a Citylife

XXII Mostra Orticola – Catalogo 2017

Il catalogo 2017 sarà pubblicato corrente aprile…

Archivio Cataloghi
I cataloghi sono disponibili gratuitamente.

Premiazione XXI Orticola

Giuria di Stile | Espositori premiati

Premio alla migliore esposizione

per l’allestimento e cura dei dettagli
  • Zanelli Mauro

Premio alla creatività per vivaisti

Innovazione e originalità
  • Borgnolo Kokedama

Premio alla creatività per extra settore

Innovazione e originalità
  • Arrosoir & Persil

Menzioni speciali

  • Amici Comunità Cenacolo
  • Fratelli Ingegnoli
  • Cascina Bollate Onlus
  • Ca’ Albrizzi

Giuria Botanica | Vivai Premiati

Migliore Collezione Botanica

  • Millefoglie – coll. ombrellifere
  • Uhlig Kakteen – cactacee
  • Un Angolo di deserto – carnivore

Pianta più significativa

per rarità o bellezza della forma
  • Fessia Floricoltura – styrax obassia
  • Floricoltura Pozzi Edmondo – Schomburgkia tibicinis
  • Soc. Agr. Eredi Consonni Carlo – Maytenus boaria

Premio speciale piccoli vivaisti

  • Vivai Tara
  • Central Park
  • Giardino della Moscatella

Menzioni speciali

  • Donna di Piante – coll. Buddleja
  • Raziel – Tulipa clusiana var. chrysantha e recupero flora spontanea
  • I Campi Miraflores – coll. Hemerocallis botanici e storici

Premio Orticola 2016

  • Pépinière Botanique de Vaugines
  • RIFNIK garden & plants
  • Malvarosa

Consulta anche il catalogo XXI Mostra Orticola.

XXI Mostra Orticola – Catalogo 2016

Catalogo Orticola 2016

Il Blog di Orticola di Lombardia

Il Blog di Orticola ospitato dal portale del Femminile IO donna.
Link breve:
http://www.orticola.org/blog

Il Social Network di Orticola di Lombardia

Orticola di Lombardia è presente su Facebook

Link breve:

www.orticola.org/facebook

Orticola di Lombardia è presente su Twitter @orticola

Link breve:

www.orticola.org/twitter

Orticola di Lombardia è presente su Instagram @orticola

Link breve:

www.orticola.org/instagram

La Mostra Mercato Orticola, intesa come Fiera Botanica d’Eccellenza, si svolge ogni anno con il patrocinio del Comune di Milano Assessorato Settore Verde e Agricoltura.

 

Orticola per Milano

Orticola di Lombardia e il Comune di Milano, da anni insieme per lo sviluppo delle aree verdi cittadine, hanno firmato una convenzione triennale che prevede l’investimento degli utili derivanti dalla storica manifestazione ai giardini pubblici Montanelli a favore di progetti per aree verdi pubbliche.

Consulta anche la sezione Filantropia di Orticola di Lombardia