2016 |Viaggi

L’itinerario 2016 di Orticola inizia a Ferrara sul tema “metafisica e avanguardie” sulle orme di de Chirico, prosegue a Città del Capo in Sud Africa con mete ai giardini esotici di Kirstenbosch, Babylonstoren e Vergelegen. Ritroviamo i miti antichi a Ercolano e Pompei, e l’azzuro in Costiera Amalfitana, poi si parte per Ravello e Caserta, in visita ai palazzi e alla Reggia dei Borboni di Napoli. Nei castelli dell’Alto Lazio, le vicende dei giardini privati ci parlano del magico mondo degli Etruschi. Eccoci in Piccardia nella suggestiva Baia della Somma, nell’Hortillonnage dagli orti galleggianti, si va per scogliere, fortezze, borghi di pescatori e cattedrali gotiche. Il Portogallo apre al fascino dei suoi castelli, palazzi, parchi e giardini affacciati sull’Atlantico. L’Inghilterra ci incanta, fra le dimore storiche, l’Arts & Crafts e i giardini di sogno dei Cotswolds.

Con Stefania Cerlini sulle orme del pittore de Chirico. A segnare un cambiamento radicale nell’opera di de Chirico fu l’arrivo a Ferrara nel 1915. Travolto da un’ondata di emozione di fronte alla bellezza e ai miti rinascimentali della città emiliana, de Chirico dipinse un mondo irreale popolato di meraviglie: piazze fuori dal tempo immerse in tramonti fantastici o stanze segrete dalle prospettive vertiginose fanno da sfondo agli oggetti enigmatici scoperti nelle peregrinazioni tra i vicoli del ghetto, o diventano il palcoscenico su cui recitano manichini da sartoria e personaggi muti e senza volto.
In occasione del centenario dell’arrivo di de Chirico nella città estense, Palazzo dei Diamanti celebrerà con una grande mostra questo momento vitale della storia dell’arte del XX secolo. Noi stessi visiteremo i luoghi che ispirarono l’artista.

11 giorni con Paolo Saibene che ci accompagnerà in Sud Africa, paese geograficamente agli antipodi, con grandi spazi di natura, parchi e riserve naturali, nella loro biodiversità, insieme ai panorami urbani di Città del Capo, rendono la configurazione del Paese estremamente interessante da scoprire. Si visiteranno gli storici Giardini di Kirstenbosch, Babylonstoren e Vergelegen, oltre ai parchi dall’incontaminata natura selvaggia. Un tour emozionante per conoscere questo paese agli antipodi del nostro.

4 giorni con Stefania Cerlini, a conclusione del percorso iniziato con la mostra a Palazzo Reale che ha visto Orticola coinvolta in prima persona il viaggio ci porta a visitare i siti archeologici di Pompei ed Ercolano e a riscoprire ville e giardini che raccontano la storia d’Italia. A Ravello visiteremo Villa Rufolo meta prediletta di musicisti, artisti e poeti, decantata nei versi del Bocaccio, la villa racchiude in sé secoli di storia, d’opere magnifiche e di leggenda. La struttura è un unicum dal punto di vista architettonico e decorativo che non ha mai mancato di suscitare la sorpresa e lo stupore dei viaggiatori. Ci sposteremo a Caserta per la visita dell’omonima Reggia di Caserta, o Palazzo Reale di Caserta, dimora storica appartenuta alla famiglia reale della dinastia Borbone di Napoli, proclamata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, circondata da un vasto parco.

3 giorni con Giulia Santagostino per un breve ma intenso viaggio nelle terre ancora intrise del magico fascino del misterioso popolo degli Etruschi, ove vennero creati quei giardini che per secoli hanno poi ispirato gli architetti di tutto il mondo. In questi luoghi suggestivi verremo accolti nei Castelli e nelle Dimore Storiche di cui i giardini sono, a volte, l’elemento più rappresentativo della filosofia di vita che tuttora pervade l’atmosfera di queste colline, permeata da antichi eterni profumi che volano, dalle verdissime fronzute chiome di essenze secolari e dalle policrome aiuole fiorite, direttamente fino al nostro animo, toccando le stesse corde che hanno — lontano nel tempo ma non nell’ispirazione — vibrato nel petto di chi in passato ha saputo trarre dall’arpa della Natura l’ accordo melodioso e suggestivo di accostamenti tuttora attuali, pur nella loro classica armonia. Questi giardini, così diversi nel loro aspetto eppur così simili nei loro concetti ispiratori, ci verranno illustrati dalle Donne che li posseggono, li curano e li accudiscono, e che quindi più di chiunque altro sono in grado di svelarcene gli struggenti segreti: le “Donne Giardiniere”.

5 giorni con Stefania Cerlini in Piccardia, 400 Km che profumano di oceano e di fiori di campagna. Ci spingeremo nella Riserva Naturale della Baia della Somme, il Parco del Marquenterre è un paradiso naturale. Questo spazio naturale di 250 ettari, composto da acquitrini, dune e foreste, è un meta prediletta dagli uccelli migratori come la spatola bianca, l’egretta garzetta e l’oca facciabianca e se saremo fortunati incontreremo la colonia di foche che qui vivono. Ammireremo scogliere, borghi di pescatori, castelli, fortezze e cattedrali gotiche.
Ci perderemo nell’universo acquatico dell’Hortillonnage per visitare più di 300 ettari di giardini e orti galleggianti intervallati da una rete di piccoli canali. Visiteremo il giardino di Le Clos Alexandre composto da otto attrazioni: il giardino d’acqua, il labirinto mela, il chiostro medievale, l’orto, il giardino romantico, i vasi da giardino, il boschetto e il giardino in prospettiva.

7 giorni con Elisabetta ed Emilio Gola tra castelli, palazzi, parchi e giardini botanici affacciati sull’Atlantico. Palazzi immersi nella vegetazione, un paesaggio magico con splendidi belvedere, come il Palácio da Pena o il Castelo dos Mouros, che è stato classificato dall’UNESCO paesaggio culturale. Dal mare, portate dalle colonie, vengono le piante esotiche, lauri e limoni che profumano i giardini, dove abbondano giochi d’acqua collocati nei posti più inattesi. Un litorale selvaggio e un’estesa zona montuosa, sono le due facce del Parco naturale di Sintra-Cascais, così vicino a Lisbona che è difficile credere che la natura sia ancora incontaminata in questa zona. Un paesaggio ricoperto da un manto verde di boschi di querce, pioppi e acacie. Ovunque l’azulejaria, o l’arte tipica portoghese degli azulejos che catturano il blu dell’oceano vibrante di luce, in immagini come grandi affreschi che esprimono una rara armonia fra architettura e natura.

10 giorni con Paolo Saibene nei Cotswolds, una delle più suggestive regioni del Regno Unito, morbidamente adagiata sui dolci declivi di verdi colline, famosa in tutto il mondo per i suoi bellissimi giardini e per il movimento artistico denominato “Arts & Crafts” che qui ebbe origine e si sviluppò nell’ultimo scorcio dell’ Ottocento. I giardini, i tessuti, gli arredamenti, i manufatti in vetro, metallo, legno e terracotta, le modeste case dei pittoreschi villaggi o quelle della ricca aristocrazia di campagna mostrano l’influenza dell’Arts & Crafts in ogni loro aspetto determinante, pur se in molti casi le dimore storiche ed i loro giardini, di epoche antecedenti alla nascita del movimento culturale, offrono un piacevolissimo contrasto con l’alternanza caleidoscopica di vari stili paesaggistici, dal geometrico lenotriano al romantico robinsoniano, all’essenziale giapponese. Durante il tour visiteremo le più interessanti e rappresentative manor houses tutte circondate da parchi e giardini di incomparabile fascino. Effettueremo inoltre una visita nella famosa città Universitaria di Oxford, ove tradizione e modernità si fondono mirabilmente ed una visita nella città a Stratford on Avon, ove William Shakespeare vide la luce, che donò poi a tutta l’Umanità con le sue meravigliose opere letterarie.

©2015-2016 RIPRODUZIONE RISERVATA
Orticola di Lombardia Associazione senza fine di lucro / Non-profit organization